Posts Tagged ‘diritto fallimentare’

TRIBUNALE DI (sede dell’azienda di cui si chiede il fallimento)

SEZIONE FALLIMENTARE

ISTANZA DI FALLIMENTO

La ………………….con sede legale in ………….via …………….., in persona del legale rappresentante pro tempore…………. rappresentata e difesa dall’avv…………. ed elett.te dom.ta presso il suo studio in…………….,  per delega a margine del presente atto –

premesso

– che tra la…… . e la società ……….. con sede in………., Via……………, pende giudizio civile presso il Tribunale di …………….., Giudice………….., R.G. n……………, prossima udienza ………….

- che in data …………il Giudice …………..ha emesso nei confronti della società…………..ordinanza di ingiunzione ex art. 186 ter c.p.c. (doc. 1), con cui ha ordinato a quest’ultima il pagamento in favore dell’istante della somma di Euro………….., per sorte capitale, oltre interessi dal ………… al saldo effettivo, oltre spese legali liquidate in complessivi Euro ………….., oltre IVA e CPA come per legge e successive spese occorrende;

– che la suddetta ordinanza di ingiunzione, dichiarata provvisoriamente esecutiva dallo stesso Giudice e munita della formula esecutiva dal Cancelliere presso lo stesso Tribunale in data …………….., è stata notificata, ai sensi dell’art. ………… unitamente all’atto di precetto in data …………. (doc. n. 2);

– che, in data …………, si è proceduto al pignoramento mobiliare presso la sede della società………., il quale ha tuttavia dato esito negativo perché l’Ufficiale Giudiziario non ha potuto localizzare all’indirizzo dichiarato la sede della società debitrice, la quale invero era sconosciuta allo studio legale e commerciale situato nello stesso stabile (doc. n. 3);

– che la società debitrice, rendendosi irreperibile ai propri creditori, dimostra di non essere più in grado di soddisfare regolarmente le proprie obbligazioni.

Tutto ciò premesso, la …………….. come sopra rappresentata

chiede

che l’ill.mo Tribunale, previa fissazione dell’udienza di comparizione, voglia dichiarare il fallimento della società …………., in persona del legale rappresentante pro tempore, con sede in ………, emanando i conseguenti opportuni provvedimenti.

Si produce la seguente documentazione:

1) ordinanza di ingiunzione del ………;

2) atto di precetto notificato il ………..;

3) verbale di pignoramento del …………;

4) visura camerale del …………;

…, lì

(firma) Avv. Patrizia D’Arcangelo

Fallimenti Recupero Crediti Tribunale BergamoLa notizia pubblicata su L’Eco di Bergamo on line è certamente rilevante ed allarmante al tempo stesso: il Tribunale di Bergamo ha dichiarato ben 250 Fallimenti nei primi undici mesi dell’anno 2010.

Mi sembra pertanto opportuno richiamare brevemente la disciplina giuridica del Fallimento.

Occorre innanzitutto ricordare che la disciplina delle procedure concorsuali (fallimento,concordato preventivo e liquidazione coatta amministrativa) si rinviene nel Regio Decreto 16 marzo 1942, n. 267 così come successivamente riformato.

Per essere soggetto al Fallimento, occorre possedere dei requisiti fondamentali, sia oggettivi che soggettivi.

Il requisito oggettivo è dato dalla condizione di insolvenza, ossia quando, a seguito di inadempimenti, o di altri fatti esteriori, il debitore non è più in grado di soddisfare regolarmente le proprie obbligazioni.

Il requisito oggettivo non è però sufficiente per essere soggetto alla procedura fallimentare.

Sono infatti necessari i seguenti requisiti soggettivi:

1)      aver avuto, nei 3 esercizi antecedenti la data di deposito dell’istanza di fallimento (o dall’inizio dell’attività, se di durata inferiore), un attivo patrimoniale di ammontare complessivo annuo superiore a 300.000,00 euro;

2)      aver realizzato (in qualunque modo risulti) nei 3 esercizi antecedenti la data di deposito dell’istanza di fallimento (o dall’inizio dell’attività, se di durata inferiore) ricavi lordi per un ammontare complessivo annuo superiore a 200.000,00 euro;

3)      avere un ammontare di debiti, anche non scaduti, superiore a 500.000,00 euro (tale requisito è stato introdotto dal D.Lgs n. 169/2007).

La procedura fallimentare può essere avviata su ricorso:

a)      del debitore (ossia del fallito);

b)      di uno o più creditori (che vogliano, per l’appunto, recuperare i propri crediti);

c)      del Pubblico Ministero (che presenta una richiesta).

Il Ricorso va rivolto al Tribunale del luogo in cui l’imprenditore insolvente ha la sede principale dell’impresa.

Il Tribunale adito dichiara il fallimento con sentenza, con la quale:

1)      nomina il Giudice Delegato per la procedura;

2)      nomina il curatore;

3)      ordina al fallito il deposito dei bilanci e delle scritture contabili e fiscali obbligatorie, nonché l’elenco dei creditori entro tre giorni;

4)      stabilisce il luogo, il giorno e l’ora dell’adunanza in cui si procederà all’esame dello stato passivo, entro il termine perentorio di non oltre centoventi giorni dal deposito della sentenza, ovvero centottanta giorni in caso di particolare complessità della procedura;

5)      assegna ai creditori e ai terzi, che vantano diritti reali o personali su cose del fallito, il termine perentorio di trenta giorni prima dell’adunanza per la presentazione in cancelleria delle domande di insinuazione.

Avv. Patrizia D’Arcangelo

patty riccia

Lo studio Legale D’Arcangelo
Il mio impegno contro il bullismo

divieto bullismo

Intervista all'avv. D'Arcangelo
Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti tramite Facebook
... oppure inserisci i tuoi dati:


L'indirizzo al quale desideri ricevere le newsletter.
Ai sensi del d.lgs. 196/2003, La informiamo che:
a) titolare del trattamento è l'avvocato Patrizia D'Arcangelo, 24055 Cologno al serio (bg), Strada delle gambe n. 2
b) responsabile del trattamento è Patrizia D'Arcangelo, 24055 Cologno al Serio (bg), strada delle gambe n. 2
c) i Suoi dati saranno trattati (anche elettronicamente) soltanto dagli incaricati autorizzati, esclusivamente per dare corso all'invio della newsletter e per l'invio (anche via email) di informazioni relative alle iniziative del Titolare;
d) la comunicazione dei dati è facoltativa, ma in mancanza non potremo evadere la Sua richiesta;
e) ricorrendone gli estremi, può rivolgersi all'indicato responsabile per conoscere i Suoi dati, verificare le modalità del trattamento, ottenere che i dati siano integrati, modificati, cancellati, ovvero per opporsi al trattamento degli stessi e all'invio di materiale. Preso atto di quanto precede, acconsento al trattamento dei miei dati.

Acconsento al trattamento dei miei dati personali (decreto legislativo 196 del 30/Giugno/2003)



Studio Legale D’Arcangelo
Canale Ufficiale Google+