• AVVISO CHIUSURA ESTIVA

    Si avvisa che lo Studio Legale D’Arcangelo è chiuso per ferie e riaprirà il 9 settembre.

    Per urgenze  è possibile mandare una mail all’indirizzo studiolegaledarcangelo@gmail.com lasciando i propri recapiti e spiegando il problema.

     

  • IL GENITORE RICOVERATO IN UNA COMUNITA’ PER IL RECUPERO DALLA TOSSICODIPENDENZA DEVE MANTENERE IL FIGLIO? SENTENZA DEL TRIBUNALE DI BERGAMO

    Tribunale di Bergamo – sentenza n. 1272/2010

    Padre tossicodipendente ricoverato presso una comunità di recupero. La figlia minore viene quindi affidata in via esclusiva alla madre con assegnazione della casa coniugale alla stessa.

    Il Tribunale di Bergamo ha comunque stabilito l’obbligo per il padre di versare alla madre l’importo di 120 euro mensili quale contributo al mantenimento della figlia. Il Collegio giudicante ha invero ritenuto che il padre fosse in grado di svolgere una qualche attività lavorativa seppur marginale e, quindi, ha affermato che nel caso di specie non sussistesse quell’assoluta eccezionalità che giustificherebbe l’esonero totale dal mantenimento della figlia.

    __________________________________________________________________________________________________________

    Desiderate ricevere consulenze specifiche sull’argomento sopraesposto?

    Questi sono i nostri contatti:
    Studio Legale D’Arcangelo
    Strada delle Gambe n. 2 – 24055 Cologno al Serio (Bg)
    e-mail: studiolegaledarcangelo@gmail.com
    Tel. e Fax 035/48.72.242
    Cell.: 327/63.40.268

    Oppure mandateci un messaggio collegandovi alla nostra pagina Facebook

  • Assegno divorzile: i criteri del Tribunale di Bergamo

    Tribunale di Bergamo – sentenza n. 1799/2010

    “L’accertamento del diritto all’assegno divorzile (di carattere esclusivamente assistenziale) va effettuato verificando l’inadeguatezza dei mezzi (o l’impossibilità per procurarseli per ragioni oggettive) del coniuge richiedente, raffrontate ad un tenore di vita analogo a quello avuto in costanza di matrimonio e che sarebbe presumibilmente proseguito in caso di continuazione dello stesso o che poteva legittimamente e ragionevolmente fondarsi su aspettative maturate nel corso del rapporto, fissate al momento del divorzio.

    Tale accertamento va compiuto mediante una duplice indagine, attinente all’ “an” e al “quantum”, nel senso che il presupposto per la concessione dell’assegno è costituito dall’inadeguatezza dei mezzi del coniuge richiedente (comprensivi di redditi, cespiti patrimoniali ed altre utilità di cui possa disporre) a conservare un tenore di vita analogo a quello goduto in costanza di matrimonio, non essendo necessario uno stato di bisogno dell’avente diritto (il quale può essere anche economicamente autosufficiente) e rilevando, invece, l’apprezzabile deterioramento, in dipendenza del divorzio, delle precedenti condizioni economiche.

    Ora, tenuto conto dei redditi dei coniugi, dell’assegnazione della casa coniugale alla moglie e del fatto che il ricorrente deve provvedere anche ad un altro figlio si ritiene che non sussistano i presupposti per porre a carico del marito e a favore della moglie un assegno divorzile”.

    ________________________________________________________________________________________________________

    Desiderate ricevere consulenze specifiche sull’argomento sopraesposto?

    Questi sono i nostri contatti:
    Studio Legale D’Arcangelo
    Strada delle Gambe n. 2 – 24055 Cologno al Serio (Bg)
    e-mail: studiolegaledarcangelo@gmail.com
    Tel. e Fax 035/48.72.242
    Cell.: 327/63.40.268

    Oppure mandateci un messaggio collegandovi alla nostra pagina Facebook