Archive for the ‘legale il licenziameto nel periodo di prova’ Category

licenziamentoLa giurisprudenza di legittimità è costante nel ritenere la legittimità del licenziamento del lavoratore in prova senza alcun motivo, salvo che il dipendente, che abbia eccepito la nullità del licenziamento in sede giurisdizionale, non provi il positivo superamento dell’esperimento ed il fatto che il recesso del datore è imputabile ad un motivo illecito estraneo a tale causa.
Si veda, ad esempio, la sentenza 23224/10 della Suprema Corte, ove viene ricordato che il rapporto di lavoro subordinato che include un periodo di prova è sottratto, per un periodo massimo di sei mesi, alla disciplina dei licenziamenti individuali, ed è caratterizzato da un potere discrezionale del datore di lavoro, a cui è riconosciuta la facoltà di recedere senza l’obbligo di fornire al lavoratore alcuna motivazione. E ciò, neppure in caso di contestazione, sulla valutazione delle capacità e del comportamento professionale del dipendente stesso.
Del resto, la funzione del periodo di prova è quella di consentire alle parti la possibilità di valutare la convenienza del rapporto di lavoro, per cui è rimessa alla loro discrezionalità la valutazione relativa alla sussistenza o meno di tale convenienza.

Ecco il testo integrale della succitata sentenza:

“Fatto
SVOLGIMENTO DEL PROCESSO
Con sentenza del 4 gennaio 2006, la Corte di Appello di Roma, in parziale riforma della sentenza del Tribunale di Roma – Sez. Lavoro, resa in data 18 – 21 febbraio 2002, condannava la Tenimenti Angelini S.p.A. (già Gli Specialisti Angelini S.p.A.) al pagamento delle somme richieste dal lavoratore A.A. a titolo di provvigioni non corrisposte nel corso del rapporto di lavoro, rigettando però le domande avanzate dal lavoratore ricorrente relativamente alla contestata nullità del patto di prova ed illegittimità del licenziamento intimato nel corso del periodo di prova con conseguente reintegra nel posto di lavoro, oltre al pagamento di somme inerenti spese ed indennità di trasferta.
A sostegno della decisione osservava che la società non aveva fornito la prova dell’avvenuto pagamento delle provvigioni vantate dall’ A. mentre lo stipulato patto di prova doveva ritenersi valido con conseguente validità dell’atto di recesso da parte della società, che null’altro doveva all’ A..
Per la cassazione di tale pronuncia ricorre l’ A. con quattro motivi.
Resiste la Tenimenti Angelini S.p.A. con controricorso, proponendo altresì ricorso incidentale affidato ad un unico articolato motivo, depositando anche memoria.
Diritto
MOTIVI DELLA DECISIONE
Va preliminarmente disposta la riunione del ricorso principale e di quello incidentale trattandosi di impugnazioni avverso la medesima sentenza (art. 335 c.p.c.).
Con il primo motivo mezzo d’impugnazione, il ricorrente principale, A.A., denunciando “violazione e falsa applicazione degli artt. 2096, 1325 e 1350 c.c., (art. 360 c.p.c., n. 3), si duole che il Giudice d’appello, pur avendo ritenuto accertata la circostanza del mutamento della propria posizione lavorativa – assunto come Capo Area Regione Lazio e poi divenuto Capo Area Nazionale -, sarebbe pervenuto a conclusioni erronee laddove “era chiaro ed accertato che il contenuto delle mansioni non fosse assolutamente lo stesso”, non essendo stato considerato che, benchè fosse stato assunto in prova come Capo Area Lazio, era stato infine licenziato come Responsabile G.D.O. Nazionale senza che nessuno rendesse mai esplicito il contenuto delle mansioni, sicchè la sentenza doveva essere cassata sul punto in cui aveva omesso di dichiarare la nullità del patto di prova.
Il motivo è infondato.
Invero, la Corte territoriale ha ritenuto non condivisibile la censura di nullità del patto di prova per il sostenuto mutamento di mansioni rispetto a quelle esplicitate al momento dell’assunzione osservando come, per un verso, non fosse esatto il dedotto riferimento alla genericità delle mansioni, poichè la lettera di assunzione indicava per le mansioni la posizione di “Capo area Regione Lazio” con la qualifica di Quadro livello 1/S, e, come, per altro verso, l’ A. non avesse espletato mansioni superiori, rispetto a quelle inizialmente assegnategli, in quanto quelle di capo area espletate dopo tre mesi a livello nazionale, pur aumentando i canali di vendita, non comportavano alcun mutamento di attività.
Ne discende che non è imputabile alla Corte di Appello nè una violazione del principio dell’onere della forma scritta del patto di prova nè un’elusione di quell’orientamento giurisprudenziale giusta il quale il patto di prova deve ritenersi nullo in caso di mutamento delle mansioni originariamente stabilite (Cass. n. 9811/95), laddove, nel caso di specie, la prestazione lavorativa dell’ A. è stata valutata sempre in relazione alla posizione di Capo Area, prima nel Lazio per tutta la clientela e poi soltanto per i clienti della Grande Distribuzione (GDO), senza, quindi, che vi fosse alcuna variazione.
Trattasi, pertanto, di un accertamento di fatto, adeguatamente motivato, non suscettibile di essere sottoposta ad un rinnovato giudizio in questa sede.
Con il secondo motivo il ricorrente, denunciando violazione sotto altro profilo degli artt. 2096, 1325 e 1350 c.c., nonchè omessa, insufficiente o contraddittoria motivazione su un punto decisivo della controversia (art. 360 c.p.c., nn. 3 e 5), lamenta che la Corte territoriale abbia erroneamente affermato che, in presenza del patto di prova, il recesso datoriale sia libero, salvo il motivo illecito ritenuto insussistente nel caso di specie. Al contrario sussisterebbe una vera e propria illiceità concretizzantesi nello sfruttamento della professionalità del ricorrente.
Il motivo è privo di fondamento.
Devono anzitutto ricordarsi i principi consolidati, affermati costantemente in argomento da questa Corte (ex plurimis, Cass. n. 7644/1998), anche in relazione alla sentenza della Corte Costituzionale 22 dicembre 1980 n. 189 che, in tema di patto di prova, nel dichiarare non fondata la questione di legittimità costituzionale dell’art. 2096 c.c., comma 3, e della L. 15 luglio 1966, n. 604, art. 10, con riferimento all’art. 3 Cost., commi 1 e 2, artt. 4 e 35 Cost., e art. 41 Cost., comma 2, ha specificato nozione e contenuto della “discrezionalità” del datore di lavoro nel recedere durante l’esperimento.
Va ribadito, così, che, a norma dell’art. 2096 c.c., e L. n. 604 del 1966, art. 10, il rapporto di lavoro subordinato costituito con patto di prova è sottratto, per il periodo massimo di sei mesi, alla disciplina dei licenziamenti individuali, ed è caratterizzato dal potere di recesso del datore di lavoro, la cui discrezionalità si esplica senza obbligo di fornire al lavoratore alcuna motivazione, neppure in caso di contestazione, sulla valutazione delle capacità e del comportamento professionale del lavoratore stesso: rilevandosi, peraltro, che detta discrezionalità non è assoluta, e deve essere coerente con la causa del patto di prova, sicchè il lavoratore, che non dimostri il positivo superamento dell’esperimento nonchè la imputabilità del recesso del datore a un motivo estraneo a tale causa, e quindi illecito, non può eccepire nè dedurre la nullità del licenziamento in sede giurisdizionale.
Giova pure ricordare al riguardo che scopo dell’esperimento in prova è quello di fare acquisire alle parti sufficienti e adeguati elementi di valutazione sulla reciproca loro convenienza di addivenire a un rapporto di lavoro definitivo: valutazione che è pertanto esclusivamente rimessa al giudizio e alla libera disponibilità delle stesse, le quali sono dunque pienamente libere di ritenere od escludere siffatta convenienza. E pertanto l’avvenuto positivo superamento, da parte del lavoratore, dell’esperimento non è, di per sè solo, sindacabile in sede giudiziale, nè può, di per sè, offrire la dimostrazione, pur presuntiva o per implicito, di un motivo illecito (ex artt. 1345 e 1418 c.c.) del recesso del datore di lavoro in pendenza del periodo di prova.
Un siffatto illecito motivo, quale ragione di nullità di quel recesso, può ritenersi provato in giudizio solo quando, oltre all’avvenuto positivo superamento dell’esperimento, siano dimostrati precisi e specifici fatti concreti i quali comprovino che il recesso non era in alcun modo ricollegabile all’esperimento stesso nè al suo esito, ma era dovuto a ragioni del tutto estranee alla sua realizzazione ed alla causa del patto di prova e che integravano dunque così l’unico e determinante motivo (appunto illecito) della decisione del datore di recedere dal rapporto.
Nel caso di specie la Corte di Appello, motivando la sua decisione in maniera adeguata, ancorchè sintetica, si è attenuto ai principi ora enunciati, escludendo in particolare la illegittimità del recesso per effetto di un dedotto mutamento di mansioni ritenuto – come appena argomentato – insussistente. Con il terzo motivo il ricorrente, denunciando omessa insufficiente o contraddittoria motivazione su un punto decisivo della controversia relativamente alla richiesta di rimborso delle spese di trasferta e la relativa indennità (art. 360 c.p.c., n. 5)”, lamenta che la Corte d’Appello, riprendendo la sentenza di primo grado, abbia erroneamente ritenuto che non gli spettasse il rimborso delle spese sostenute e, così pure sul punto, il rimborso della indennità di trasferta , richiamandosi all’art. 59 CCNL. Sennonchè la Corte di merito ha sufficientemente motivato la sua determinazione, osservando, in ordine al diritto al rimborso di detta indennità, che alcunchè spettava al ricorrente sulla base del rilievo che la norma collettiva invocata faceva riferimento ad “incarichi specifici” per prestazioni di servizio fuori della circoscrizione del Comune, mentre nel caso di mansioni di capo area erano tali fisiologicamente da comportare lo spostamento nel territorio e così nella Regione di cui era capo area (infatti, aveva, ad personam, il “bonus” di L. 1.685.000).
Osserva il Collegio che nessun vizio motivazionale emerge da siffatta argomentazione, mentre, sotto altro profilo, nessun vizio interpretativo della norma collettiva richiamata è possibile riscontrare, mancando nell’esaminato motivo ogni riferimento a violazioni dei canoni ermeneutici in materia. Analogamente, nessun vizio di motivazione è riscontrabile in relazione alla richiesta di rimborso delle “spese vive” che l’ A. avrebbe sopportato durante le trasferte nel corso del rapporto lavorativo, avendo il Giudice di appello rilevato che difettavano le condizioni per detto rimborso, essendo mancata totalmente l’osservanza della procedura prevista per l’ottenimento del rimborso e cioè del “visto della Direzione vendita”.
Infondato, infine, è anche il quarto motivo di ricorso con cui si denuncia omessa, insufficiente o contraddittoria motivazione relativamente alla domanda subordinata di corresponsione della retribuzione per il periodo di anticipata risoluzione del rapporto di lavoro (art. 360 c.p.c., n. 5).
Invero, il Giudice di appello, affermando la legittimità del recesso durante il periodo di prova ha, in maniera implicita, ma non per questo poco chiara, correttamente ritenuto non spettare alcuna retribuzione per il residuo periodo di circa 15 giorni prima della scadenza del periodo di prova e successivi al recesso.
Con il ricorso incidentale la società Tenimenti Angelini, denunciando omessa ed insufficiente motivazione nonchè falsa applicazione dell’art. 2697 c.c., lamenta che il Giudice di appello abbia ritenuto fondato il motivo di gravame circa l’omessa pronuncia in ordine alla richiesta di condanna al pagamento della provvigione maturata, per essersi essa società limitata a dedurre l’avvenuto pagamento, senza che la documentazione prodotta dimostrasse il pagamento non riferendosi a provvigioni.
Il motivo è infondato, avendo rettamente il Giudice a quo ritenuto che, di fronte all’affermazione della società di avere pagato le provvigioni – e, quindi, al riconoscimento del debito ancorchè estinto per effettuato pagamento – e di fronte alla documentazione prodotta dalla stessa società a sostegno dell’intervenuto pagamento delle provvigioni, l’acclarata circostanza che detta documentazione non dimostrava affatto il dedotto adempimento “non riferendosi a provvigioni”, comportava l’accoglimento del relativo motivo di appello, in rigetto di entrambi i ricorsi induce a compensare le spese di questo giudizio.
P.Q.M.
La Corte riunisce i ricorsi e li rigetta. Compensa le spese.
Così deciso in Roma, il 6 ottobre 2010.
Depositato in Cancelleria il 17 novembre 2010”

_______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Desiderate ricevere consulenze specifiche sull’argomento sopraesposto? Questi sono i nostri contatti:
Studio Legale D’Arcangelo
Via Rocca n. 6 – 24055 Cologno al Serio (Bg)
e-mail: studiolegaledarcangelo@gmail.com
Tel. e Fax 035/48.72.242
Cell.: 327/63.40.268

collegato_lavoroIl 24 novembre 2010 è entrato in vigore il c.d. Collegato Lavoro, ovvero la Legge n. 183/2010 varata dal Parlamento il 19 ottobre scorso e pubblicata sulla gazzetta ufficiale del 9 novembre.

Queste sono le novità più rilevanti:

1.       Il tentativo di conciliazione da esperire prima del giudizio torna ad essere facoltativo, anziché obbligatorio. Pertanto le parti (lavoratore e datore di lavoro) possono liberamente scegliere se tentare una soluzione extragiudiziale o se procedere direttamente in Tribunale. Quanto detto vale per qualsiasi rapporto di lavoro, sia pubblico che privato.

2.       Qualora venga tentata una soluzione extragiudiziale ma questa non vada a buon fine “senza adeguata motivazione”, il Giudice ne dovrà tener conto in sede di giudizio. In buona sostanza il comportamento delle parti (lavoratore o datore di lavoro) andrà a costituire un elemento di valutazione di cui il Giudice potrà tener conto nel momento in cui deve decidere ed emettere una sentenza

3.       Per quanto riguarda la procedura di impugnazione dei licenziamenti: resta invariato che chi vuole contestare un licenziamento è tenuto a impugnarlo, pena la decadenza, entro 60 giorni dalla ricezione della sua intimazione (o delle motivazioni). Resta anche invariato, poi, che una volta fatto questo adempimento il lavoratore deve successivamente depositare il ricorso in Tribunale, per dare avvio al giudizio vero e proprio. La vera novità risiede nel fatto che il lavoratore ha solo 270 giorni per dare avvio alla causa (non ha più quindi a disposizione un termine indefinito. Una volta decorso il termine di 270 giorni senza che il ricorso venga depositato in Tribunale, il licenziamento diventa non più impugnabile (anche nei casi di nullità).

4.       La Legge de qua ha poi introdotto la c.d. “forfetizzazione” del risarcimento del danno spettante al lavoratore che si sia visto riconoscere l’illegittimità del termine apposto al contratto di lavoro (v. art. 32, commi 5, 6 e 7). Praticamente il risarcimento del danno andrà liquidato fra un minimo di 2,5 ed un massimo di 12 mensilità di retribuzione, indipendentemente dall’entità del danno effettivo che, in ragione della durata del processo, potrebbe risultare ben superiore.  Al riguardo non posso fare a meno di rappresentare che la Corte di Cassazione, nel corso degli ultimi giorni si è pronunciata per ben tre volte eccependo la legittimità costituzionale dei commi 5 e 6 del richiamato articolo 32 della legge n.183/2010 per contrasto con gli articoli 3, 4, 24,111 e 117 della Costituzione italiana.

Questo, in sintesi, quanto affermato dalla Suprema Corte con ordinanza interlocutoria n. 2112 del 28 gennaio 2011:

“Il danno sopportato dal prestatore di lavoro a causa dell’illegittima apposizione del termine al contratto è pari almeno alle retribuzioni perdute dal momento dell’inutile offerta delle proprie prestazioni e fino al momento dell’effettiva riammissione in servizio. Fino a questo momento, spesso futuro ed incerto durante lo svolgimento del processo e non certo neppure quando viene emessa la sentenza di condanna, il danno aumenta con decorso del tempo ed appare di dimensioni anch’esse non esattamente prevedibili.

Il rimedio apprestato dall’art. 32, commi 5 e 6 in questione non può essere assimilato all’indennità prevista dall’art. 8 l. 15 luglio 1966 n. 604 ed alternativa all’obbligo di riassunzione. L’ipotesi dell’art. 8 non riguarda il ristoro di un danno derivante dalla non attuazione di un rapporto di durata, ossia di un danno di un ammontare che aumenta col trascorrere del tempo, giacché il diritto all’indennità esclude il diritto al mantenimento del rapporto.

La liquidazione di un’indennità eventualmente sproporzionata per difetto rispetto all’ammontare del danno può indurre il datore di lavoro a persistere nell’inadempimento, eventualmente tentando di prolungare il processo oppure sottraendosi all’esecuzione della sentenza di condanna, non suscettibile di realizzazione in forma specifica. Né verrebbe risarcito il danno derivante da una sopravvenuta impossibilità della prestazione lavorativa, causata dal rifiuto del datore.

Tutto ciò vanifica il diritto del cittadino al lavoro (art. 4 Cost) e nuoce all’effettività della tutela giurisdizionale, con danno che aumenta con la durata del processo, in contrasto con il principio affermato da quasi secolare dottrina processualistica, oggi espreso dagli artt. 24 e 111, secondo Comma Cost. (…).

Il contrasto delle disposizioni legislative in questione col diritto del cittadino al lavoro, di cui all’art. 4 Cost., è reso manifesto anche dalla non aderenza di esse alla giurisprudenza comunitaria. La sproporzione fa la tenue indennità ed il  danno, che aumenta con la permanenza del comportamento illecito del datore di lavoro, sembra contravvenire all’accordo quadro sul lavoro a tempo determinato, concluso il 18 marzo 199 ed allegato alla direttiva 1999/70, che impone agli Stati membri di “prevenire efficacemente l’utilizzazione abusiva di contratti o rapporti di lavoro a tempo determinato…ossia misure che devono rivestire un carattere non soltanto proporzionato, ma anche sufficientemente effettivo e dissuasivo per garantire la piena efficacia delle norme adottate in attuazione dell’accordo quadro (Corte CE sent. C. 212/04)”.

Avv. Patrizia D’Arcangelo

patty riccia

Lo studio Legale D’Arcangelo
Il mio impegno contro il bullismo

divieto bullismo

Intervista all'avv. D'Arcangelo
Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti tramite Facebook
... oppure inserisci i tuoi dati:


L'indirizzo al quale desideri ricevere le newsletter.
Ai sensi del d.lgs. 196/2003, La informiamo che:
a) titolare del trattamento è l'avvocato Patrizia D'Arcangelo, 24055 Cologno al serio (bg), Strada delle gambe n. 2
b) responsabile del trattamento è Patrizia D'Arcangelo, 24055 Cologno al Serio (bg), strada delle gambe n. 2
c) i Suoi dati saranno trattati (anche elettronicamente) soltanto dagli incaricati autorizzati, esclusivamente per dare corso all'invio della newsletter e per l'invio (anche via email) di informazioni relative alle iniziative del Titolare;
d) la comunicazione dei dati è facoltativa, ma in mancanza non potremo evadere la Sua richiesta;
e) ricorrendone gli estremi, può rivolgersi all'indicato responsabile per conoscere i Suoi dati, verificare le modalità del trattamento, ottenere che i dati siano integrati, modificati, cancellati, ovvero per opporsi al trattamento degli stessi e all'invio di materiale. Preso atto di quanto precede, acconsento al trattamento dei miei dati.

Acconsento al trattamento dei miei dati personali (decreto legislativo 196 del 30/Giugno/2003)



Studio Legale D’Arcangelo
Canale Ufficiale Google+