Ancora troppe buche sull’asfalto. Responsabilità del Comune

Questa è una delle notizie in prima pagina dell’Eco di Bergamo on line: le strade della Bergamasca sono invase dalle buche (probabilmente anche a causa delle abbondanti piogge dell’ultimo periodo). Si tratta, è evidente, di una possibile situazione di pericolo per i cittadini, soprattutto per i cittadini che viaggiano in bicicletta o in moto. Come ho già detto qui, nel

Continua a leggere

Ricorso multe – Multa nulla se il verbale è notificato da una società privata

L’art. 3 della Legge n. 890/1982 recita “l’ufficiale giudiziario scrive la relazione di notificazione sull’originale e sulla copia dell’atto, facendo menzione dell’ufficio postale per mezzo del quale spedisce la copia al destinatario in piego raccomandato con avviso di ricevimento. Presenta all’ufficio postale la copia dell’atto da notificare in busta chiusa, apponendo su quest’ultima le indicazioni del nome, cognome, residenza o

Continua a leggere

Modifiche al Codice della strada e ricorso al Giudice di Pace: le novità più importanti

Con Legge n. 120 del 29 luglio 2010, il Legislatore ha introdotto diverse modifiche al Codice della Strada. La legge de qua ha, tra l’altro, profondamente mutato il regime del ricorso al Giudice di pace avverso i verbali di accertamento di violazione alle norme del Codice della Strada. In sintesi, possiamo quindi osservare quanto segue: permane il fatto che il

Continua a leggere

Multe per divieto di sosta – Bergamo e provincia – contestazione e ricorso al giudice di pace

Nuovi parcheggi a pagamento sono stati introdotti a Bergamo e diventa sempre più difficile recarsi in città senza spendere “un capitale”. La notizia, riportata su L’Eco di Bergamo on line, mi ha fatto tornare in mente una sentenza della Corte di Cassazione emessa a Sezione Unite quasi quattro anni fa. Mi riferisco alla sentenza n. 116 del 9 gennaio 2007,

Continua a leggere

Buche stradali e danni dell’utente: responsabilità del Comune

La Cassazione ha nuovamento pronunciato in materia di c.d. danno da insidia stradale. La Suprema Corte ha confermato l’orientamento più recente, affermando che il Comune è responsabile ai sensi dell’art. 2051 cod. civ., per i danni subiti dall’utente di una strada appartenente al Comune stesso stesso (si veda, al riguardo, Cass. civ. 21328/2010). La responsabilità ex art. 2051 (c.d. responsabilità

Continua a leggere