Archivi per la categoria ‘avvocato sfratto e morosità’

sfratto avvocato d'arcangeloLa crisi economica dell’ultimo periodo ha certamente accentuato il “problema sfratti”.

In due anni le richieste di sfratto presso il Tribunale di Bergamo sono aumentate del 60%.

La notizia è stata riportata pochi giorni fa sull’Eco di Bergamo on line.

Ecco  come si procede in caso di  mancato pagamento dei canoni di locazione:

1) il Legale predispone innanzitutto una lettera di messa in mora in cui sollecita il pagamento di quanto dovuto.

2) in caso di mancato riscontro alla diffida, il Legale predispone un’intimazione di sfratto e contestuale citazione per la convalida presso il tribunale competente.

In buona sostanza, l’avvocato predispone un atto con il quale si cita l’inquilino moroso a comparire davanti al Giudice e in cui viene fissata la data dell’udienza (da uno a due o tre mesi a seconda dei tribunali).

Lo scopo della procedura di sfratto è quello di ottenere in maniera rapida il titolo esecutivo.

Caratteristica peculiare di tale procedimento è quindi la sommarietà che si realizza con la mancata opposizione o comparizione dell’intimato alla prima udienza, comportamento che concretizza acquiescenza che è presupposto per la pronuncia del provvedimento definitivo da parte del giudice.

L’eventuale comparizione od opposizione dell’intimato all’udienza comporta invece la trasformazione del procedimento speciale in procedimento ordinario di cognizione che si svolge con il rito locatizio.

3) Qualora l’inquilino non liberi la casa neppure successivamente al provvedimento del Giudice, il Legale notificherà un atto di precetto cui gli si intima di rilasciare l’unità immobiliare entro 10 gg. dalla notifica e che in difetto si procederà con l’esecuzione forzata.

4) Qualora, decorsi dieci giorni dalla notifica dell’atto di precetto, l’inquilino insista nell’occupare l’immobile si procede con la “monitoria di sgombero”.  Si tratta dell’ennesimo atto da notificare all’inquilino in cui l’Ufficiale Giudiziario del Tribunale comunica all’inquilino moroso che in una determinata data, ad una determinata ora si recherà presso l’immobile che occupa per sgomberarlo eventualmente con l’assistenza della forza pubblica.

5) In caso di mancata ottemperanza dell’inquilino moroso, si potrà finalmente procedere all’esecuzione materiale dello sfratto che si concluderà con la redazione del verbale di rilascio immobile da parte dell’Ufficiale Giudiziario.

famiglia fatto domande conviventiPubblico di seguito alcune delle domande più frequenti che mi vengono poste in materia di famiglia di fatto.

Le coppie di fatto possono regolare i loro rapporti tramite convenzioni?

La risposta è certamente positiva. I conviventi possono regolare i loro rapporti patrimoniali tramite contratti.

Tali contratti possono avere ad oggetto sia la regolamentazione del periodo della convivenza, sia la regolamentazione del periodo successivo ad essa.

A quale Giudice devono rivolgersi le coppie di fatto in crisi che vogliano separarsi?

E’ bene innanzitutto tener presente che le coppie di fatto non sono riconosciute dalla legge. Pertanto non esistono norme che determinino l’autorità giudiziaria competente in caso di “separazione” tra conviventi.

Ad ogni modo possiamo fare un distinguo:

1)      In presenza di figli: tutte le questioni riguardanti il mantenimento e l’affidamento degli stessi, potranno essere trattate dal Tribunale per i Minorenni.

2)      In assenza di figli: i conviventi che intendono regolare dei rapporti giuridici, dovranno rivolgersi al Tribunale Ordinario in virtù dei principi generali del diritto.

In presenza di figli, la casa “familiare” può essere assegnata al convivente?

Assolutamente sì. La casa familiare può essere assegnata dal Giudice ad uno dei conviventi quando vi siano figli minorenni o maggiorenni non economicamente indipendenti.

A tale soluzione si giunge grazie alla sentenza n. 166/1998 della Corte Costituzionale.

In assenza di figli, la casa “familiare” può essere assegnata al convivente?

In questo caso la risposta è, evidentemente, negativa. Del resto l’assegnazione della casa coniugale in assenza di figli non avviene neppure per le coppie unite da vincolo coniugale che si separino.

In caso di morte del proprio convivente, l’altro può vantare diritti successori?

La risposta non può che essere negativa.

La successione del convivente potrà avvenire solo nel caso in cui il partner abbia disposto in suo favore tramite testamento (purché non venga comunque lesa la sua quota dei legittimari).

E’ importante tuttavia  sottolineare che in caso di morte del proprio partner il convivente può continuare il rapporto di locazione eventualmente esistente in relazione all’immobile fino a quel momento utilizzato come casa “familiare”.

Il convivente può chiedere il risarcimento dei danni in caso di morte per delitto del proprio partner?

La giurisprudenza più recente ritiene di sì. Ne ho già parlato ampiamente qui.

Avv. Patrizia D’Arcangelo

Lo studio Legale D’Arcangelo
Il mio impegno contro il bullismo

Intervista all'avv. D'Arcangelo
Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti tramite Facebook
... oppure inserisci i tuoi dati:


L'indirizzo al quale desideri ricevere le newsletter.
Ai sensi del d.lgs. 196/2003, La informiamo che:
a) titolare del trattamento è l'avvocato Patrizia D'Arcangelo, 24055 Cologno al serio (bg), Strada delle gambe n. 2
b) responsabile del trattamento è Patrizia D'Arcangelo, 24055 Cologno al Serio (bg), strada delle gambe n. 2
c) i Suoi dati saranno trattati (anche elettronicamente) soltanto dagli incaricati autorizzati, esclusivamente per dare corso all'invio della newsletter e per l'invio (anche via email) di informazioni relative alle iniziative del Titolare;
d) la comunicazione dei dati è facoltativa, ma in mancanza non potremo evadere la Sua richiesta;
e) ricorrendone gli estremi, può rivolgersi all'indicato responsabile per conoscere i Suoi dati, verificare le modalità del trattamento, ottenere che i dati siano integrati, modificati, cancellati, ovvero per opporsi al trattamento degli stessi e all'invio di materiale. Preso atto di quanto precede, acconsento al trattamento dei miei dati.

Acconsento al trattamento dei miei dati personali (decreto legislativo 196 del 30/Giugno/2003)



Studio Legale D’Arcangelo
Canale Ufficiale Google+