• Il crocifisso in Tribunale: importante sentenza delle Sezioni Uniti della Corte di Cassazione

    crocifisso aula tribunaleCon l’avvicinarsi delle festività Pasquali, mi è tornata in mente una recente sentenza con cui le Sezioni Unite sono state chiamate a pronunciarsi circa la presenza del crocifisso nelle aule dei Tribunali (v. Cass. Sez. Unite n. 5924/2011).

    Il caso sottoposto all’attenzione della Sezioni Unite riguardava un magistrato di religione ebraica, il quale si era rifiutato di tenere udienza sino a quando non fosse stato rimosso il crocifisso in tutte le aule giudiziarie in cui esercitava le proprie funzioni.

    Nonostante il Presidente del Tribunale avesse messo a disposizione del magistrato ebreo un’aula senza crocifisso, questi insisteva nel proprio rifiuto di tenere udienza.

    A quel punto il Magistrato veniva sottoposto a procedimento disciplinare da parte del Consiglio Superiore della Magistratura, al termine del quale veniva quindi destituito dall’ordine giudiziario per essere venuto meno al dovere fondamentale di svolgimento della funzione ed aver compromesso la credibilità personale ed il prestigio dell’istituzione giudiziaria.

    Avverso tale provvedimento disciplinare, il Magistrato ebreo proponeva ricorso per Cassazione.

    La Suprema Corte, concentrandosi non sull’accertamento della liceità della presenza del crocifisso, bensì sul comportamento del magistrato colpevole di una ripetuta sottrazione ai suoi doveri istituzionali e professionali, ha confermato la sanzione disciplinare inflitta.

    La Cassazione ha infatti espresso il seguente principio: “poichè la Sezione disciplinare ha affermato la responsabilità del Dr. T. (ovvero il magistrato di fede ebraica, n.d.r) solo in relazione ai disservizi verificatisi per il rifiuto di tenere udienze in stanze o aule prive del crocifisso,e quindi in situazioni che – secondo l’accertamento fattuale della Sezione – non potevano comportare la lesione del suo diritto di libertà religiosa, di coscienza o di opinione, non può intentare causa giustificante di tale rifiuto la pretesa tutela della laicità dello Stato o dei diritti di libertà religiosa degli altri soggetti che si trovavano nelle altre aule di giustizia della Nazione, in cui il crocefisso era esposto”.

    In buona sostanza, la Suprema Corte ha ritenuto che, nel caso di specie, non vi fosse stata alcuna lesione del diritto di libertà religiosa del magistrato ebreo in quanto a questi era stata riconosciuta la possibilità di tenere udienza in aule prive di crocifisso (possibilità, per l’appunto, rifiutata dal magistrato stesso).

     

Iscriviti alla nostra newsletter

Riceverai il nostro ebook gratuito